ecosistemadesign® è una rete di artigiani e imprese campane nata e guidata dalla creatività e dall’esperienza internazionale di Mario Coppola (1984), architetto, designer e docente di Composizione Architettonica presso l’università Federico II di Napoli.

Nato e cresciuto tra Napoli e Punta Licosa, Mario coltiva da sempre la passione per l’ecologia studiando da vicino le forme e il funzionamento degli organismi viventi e delle strutture naturali. Nel 2008 si laurea con lode in architettura presso il DiARC di Napoli, in seguito completa un master al Politecnico di Milano e lavora nello studio di Zaha Hadid a Londra su numerosi progetti in diversi periodi.

Nel 2010 torna a Napoli, dove prosegue la sua ricerca sulla fusione tra natura, architettura e design, e diviene dottore di ricerca in progettazione architettonica e ambientale con una tesi sull’architettura contemporanea letta dalla prospettiva teorica della complessità di Edgar Morin, secondo il quale tale lavoro “apre nuove prospettive”.

Sugli stessi argomenti scrive saggi, è relatore in convegni internazionali e, nel 2015, pubblica La linea della complessità (D Editore). Nel 2017 esordisce come scrittore, con il romanzo autobiografico In cima al mondo, in fondo al cuore (Giunti), e come scultore, con la personale Cosmogonie presso il museo Plart di Napoli, a cura di Angela Tecce. Nel settembre 2017 pubblica su Domus il manifesto dell’architettura postumana e, nel 2018, il suo lavoro viene esposto alla Triennale di Milano.

Gli oggetti della linea ecosistemadesign® sono stati esposti in numerose mostre e la lampada Nacchera è visibile nelle sale del museo Plart di Napoli.